CENTRO SPERIMENTALE DI ALLENAMENTO FIT

 

  

 

  

  

 

CHE COS'È IL CENTRO SPERIMENTALE DI ALLENAMENTO FIT?         

Gli specialisti e tecnici della Federazione e del Tennis Team Vianello e i responsabili delle aree Tecnico-Tattica, Mentale, Medica, Fisica, Strutturale, Optometrica, Gnatologica e Nutrizionale, svilupperanno i programmi mediante test valutativi oggettivi e un protocollo didattico sperimentato in collaborazione con 22 Tecnici e 300 allievi.     

Alla base del progetto si pone la crescita equilibrata del giovane. I dati ricavati consentiranno di:
a) intervenire in maniera oggettiva e scientifica sulla costruzione di un atleta tennista,
b) valutare i miglioramenti generali rispetto all'anno di nascita (comparazione verticale) grazie a nuove metodologie;

Le valutazioni prenderanno in esame tutti i prerequisiti necessari allo sviluppo di un atleta tennista.
L'ottimale incremento di detti prerequisiti renderà più facile, veloce e spontanea la successiva fase di apprendimento.
Il dosaggio e l'utilizzo delle varie valutazioni terrà conto dell'età anagrafica e biologica dei giovani.

Definito il range per ogni livello, la valutazione evidenzierà: 
a) le qualità migliori che caratterizzeranno lo sviluppo dell'atleta;
b) le qualità sufficienti e migliorabili;
c) le qualità insufficienti ma migliorabili;
d) le qualità deficitarie che condizioneranno lo sviluppo completo dell'atleta.

    

- AREA POSTURALE – COORDINATIVA -

1) STRUTTURALE (Fisioterapista sportivo/posturologo Paganelli - Referente Capogna)

per individuare l'età biologica di sviluppo e impostare i carichi ed i tempi di lavoro.

a) misurazione antropometrica e il suo sviluppo;

b) situazione strutturale generale;

c) problematiche da trattare specificatamente;    

d) definizione dei carichi per i vari periodi e settori corporei.        

                                                                                                          

2) OPTOMETRICA (Optometrista Cagno - Prof. Bianchi)

per individuare le problematiche visive che influenzano la percezione spazio-temporale e che possono condizionare negativamente la postura. Un ottimale funzionamento visivo è la base per il rapporto con la palla e per la strutturazione del timing generale e relativo

 

3) GNATOLOGICA (Dott. Moglioni)

per individuare le eventuali errate occlusioni dentali che condizionano la postura.      

 

4) CAPACITA' COORDINATIVE (Prof. Regina)

per valutare lo sviluppo degli schemi corporei spaziali. Sono la base per lo sviluppo tecnico:

a) coordinazione in associazione e dissociazione delle zone superiori e inferiori del corpo;

b) equilibrio statico e dinamico;

c) orientamento spazio-temporale;

d) differenziazione;

e) capacità di lancio e direzionale;

f) coordinazione occhi-piedi-mano;

g) reattività;

h) ritmicità.

 

- AREA MEDICA -

5) MEDICO-SPORTIVA CARDIOLOGICA (Dott. Benvenuti)

per valutare la salute generale ed in particolare dell'apparato cardio-circolatorio a riposo e sotto sforzo. I dati ricavati forniranno preziose informazioni per il dosaggio dei carichi di lavoro.             

                                                                                             

6) NUTRIZIONALE (Dott. Orlandi - Nutrizionista Chiarulli)

per valutare le componenti corporee, l'impegno energetico e l'apporto alimentare, individuando le carenze del piano alimentare. Lo scopo è di stilare un profilo nutrizionale individualizzato, per consentire la crescita del giovane e del livello di prestazione.

 

- AREA MENTALE -

7) PSICOLOGICA (Dott. Fiderio)

per la strutturazione della forza mentale (incidenza dell’80% sulla prestazione).           

a) motivazioni e consapevolezza di essere il protagonista di un programma pluriennale di   

crescita;

b) capacità di concentrazione;

c) riconoscimento e gestione delle emozioni e controllo delle frustrazioni;

d) fiducia in sé e indipendenza interna ed esterna; 

f) la libertà espressiva per lo sviluppo della creatività;

g) strutturazione delle fasi di preparazione al match, di analisi post-match (feedback positivo) e dei rituali di gara.

 

- AREA SPECIFICA -

8) CAPACITA' CONDIZIONALI (Prof. Regina)

a) metaboliche;

b) muscolari;   

c) generali e specifiche.

 

9) TECNICO-TATTICA (Tecnico Nazionale Prof. Massimo Vianello - Prof. Giacomo Vianello)

La valutazione si baserà su dati oggettivi, ricavati dalla compilazione di griglie e l'elaborazione di score specifici durante          lo svolgimento delle partite.

a) individuazione delle fasi di gioco e capacità di risolvimento dei problemi situazionali

b) impostazioni di fasi tattiche di costruzione, offensive, difensive e di contro attacco in maniera proattiva;

c) gestione della racchetta e timing generale e relativo;

d) esecuzione e possibilità adattiva tecnica dei vari colpi inserita in un contesto tattico;

e) spostamenti nella fase di piazzamento e ri-piazzamento e uso del peso del corpo.

 

- AREA INFORMATICA -

(Luca Coppola)

A) DATI CORRELATI (Resp. Luigi De Lisa)

Storiografia del giovane

B) RISULTATI (Resp. Giulio Donarelli)

Tornei e partite disputate

C) ELABORAZIONE DATI (Resp. Giulio Donarelli)                                                                     

Accessibilità ai dati e possibilità di interazione 

D) SCORE (Resp. Claudio Subissi)

E) VIDEO ANALISI (Resp. Simone Papa)

F) PUBBLICIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' DEL CENTRO (Resp. Elena Vianello)

 

 

 - INTERVENTI -

Le possibilità di intervento sono:

1) NEL MATCH:

a) diretti nel pre e nel dopo match;

b) indiretti rituali durante i punti e nei cambi campo.       

2) NEGLI ALLENAMENTI:

a) indiretti: sui prerequisiti  

b) diretti sulla tattica e sulla tecnica.

Gli interventi sulla tecnica saranno proposti con il problem solving e solo con atleti evoluti  in forma analitica.

Agendo in questo modo, indirizzeremo l'attenzione del giovane nella fase agente. La priorità e l'esclusività del solo studio tecnico costringerebbe il giovane ad usare l'emisfero pensante. Con la maturazione del giocatore e il consolidamento della sua forza mentale, gli interventi potranno interessare di più la fase tecnica anche nella sua forma analitica.

A tale scopo sarà importante sviluppare la possibilità di passaggio fra i tipi di concentrazione: interna-esterna, allargata-ristretta, analitica-olistica.

 

- PROGRAMMAZIONE -

Per lo sviluppo delle fasi del programma saranno interessati tutti gli operatori dei vari settori, riuniti in un unico staff:                                                

- Programmazione dei macro-cicli (periodo), dei cicli annuali (livelli) e dei meso-cicli (carichi e tempi)                                                                                                             

- Definizione degli steps per i vari livelli

- Identificazione dei carichi, dei tempi di lavoro generali per i livelli e individuali

- Programmazione agonistica di categoria Open nazionale TE - ITF                                                                                                                  

I giovani saranno accompagnati in tutte le gare fuori sede e seguiti nei tornei segnalati per le gare in sede, e sarà garantita l’interazione, mediante app, di tutte le componenti.

I drills che svilupperanno le tematiche e le esercitazioni dovranno contenere tutte le componenti delle aree illustrate.

Il progetto presenta al giovane il tennis nella sua veste di gioco sportivo e non di una successione di colpi. Il regolamento di questo gioco spiega come giocare una partita e come vincere o perdere il punto. Nello sviluppo del gioco sarà il giovane a chiedere dei mezzi per poter risolvere le situazioni, ma manterrà l'idea che lo scopo è giocare per vincere il punto.

È nostra duplice intenzione:

1) creare un giocatore e non un colpitore di palla;

2) introdurre da subito la forma competitiva propria del gioco, eliminando la dicotomia tennis/agonismo.

Per ogni livello sono stati presentati i numeri degli allievi iscritti al Centro per la stagione 2020-21, che corrispondono ai parametri età-livello richiesti dalla F.I.T.

Nel Centro attualmente si allenano 30 giocatori over che svolgono attività internazionale. Essi rappresentano un ottimo punto di riferimento e stimolo per i giovani Under.

Inoltre, si addestrano 100 allievi “fuori età”. È nostra intenzione aumentare la fascia dei giovani “in età” fino alla capienza massima.

 

Sulla base di quanto esposto, si svilupperà un programma articolato in un periodo coordinativo e, a seguire, tre periodi, suddivisi in 6 livelli.

 

                 

I nostri gruppi di lavoro sono suddivisi in:
(clicca su ogni livello per la spiegazione completa)

 

SCUOLA PROTOTIPO 


PREAGONISTICA


SCUOLA TENNIS


CORSO PER ADULTI


TENNIS IN CARROZZINA


CORSI INTENSIVI ESTIVI

 

 

  

         

Tra gli insegnanti abbiamo a disposizione il Top delle qualifiche: Tecnici Nazionali,  Maestri Nazionali,  Istruttori di 1° e 2° grado,  Preparatori Fisici di 1° e 2° grado FIT,  Psicologo, Fisioterapista, Osteopata e Nutrizionista con il massimo delle competenze ed esperienze. 

La nostra Top School partecipa ad un progetto con la Federazione Italiana Tennis,per l'inserimento della psicologia nell'insegnamento del tennis.
Pertanto tutti i Tecnici del Centro seguiranno un percorso formativo specifico. All'interno della nostra Scuola Tennis  sono a disposizione 2 campi coperti, che permettono una continuità didattica, diverse superfici di gioco e  una palestra attrezzata. Abbiamo una foresteria limitrofa all'impianto e una convenzione con una Scuola Parificata  che consente di studiare e fare sport a livello agonistico.
All'interno della nostra Scuola possiamo seguire tutte le fasi del percorso formativo:
minitennis - avviamento - perfezionamento - specializzazione - allenamento

Cliccate in alto a destra (I GRUPPI) e vedrete le diverse sessioni e divisioni dei livelli nella nostra Top School